Homepage  |  I percorsi  |  Storia e cultura   |  Galleria foto   |  Prossimi eventi |   Contatti |    Links |  







 
PERCORSO "LE GROTTE" - (SENTIERO 206)
                

Sentiero 206 - Percorso “Le Grotte”

- Dislivello: (da 503 a 693 m s.l.m.) 190 m
- Lunghezza: circa 1,3 km
- Durata: 1ora e 15 minuti ca.
- Grado di difficoltà: da facile a medio
- Classificazione CAI : T - E

Si può accedere a questo sentiero dal tratto finale del “Percorso Vita”, aggirando la vetta posta più a nord e seguendo poi a tratti la cresta e il versante occidentale del monte.

Si attraversa una vegetazione arbustiva, interrotta da affioramenti rocciosi, caratterizzata da ilatro (Phillyrea latifolia), leccio, acero minore e terebinto (Pistacia terebinthus).

Il nome del sentiero è dato dalla presenza lungo l'itinerario di alcune grotte, tra le quali si ricorda quella denominata “Erebus”, la cui esplorazione è tuttora in corso da parte dei gruppi speleologici che frequentano l'area.

Lungo il sentiero è possibile notare i ruderi di “Casaccia dei ladri” e l'imponente roccia chiamata “Sasso di S. Nonnoso”: secondo la leggenda la rupe venne spostata dal santo per procurare ai monaci il terreno adatto alla coltivazione di un orto.

Proseguendo, oltre il “Sasso di S. Nonnoso”, il sentiero conduce con una ripida salita all'Eremo di S. Silvestro.


Classificazione Sentieri secondo il CAI

T - Itinerario su stradine pedonali, carrareccie, mulattiere o evidenti sentieri (Sentiero di interesse turistico)

E - Itinerario privo di difficoltà tecniche (corrisponde, in genere, a mulattiere o a sentieri di accesso a rifugi o di collegamento tra valli vicine)


                 

                 
                      

        

                                       





tutte le fotografie copyright © Carlo Portone

sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel