Homepage  |  I percorsi  |  Storia e cultura   |  Galleria foto   |  Prossimi eventi |   Contatti |    Links |  







 
PERCORSO "MADONNA DELLE GRAZIE" - (SENTIERO 201)
              

Sentiero 201 - Percorso “Madonna delle Grazie”

- Dislivello: (da 418 a 658 m s.l.m.) 240 m
- Lunghezza: circa 1,4 km
- Durata: 30 minuti ca.
- Grado di difficoltà: facile
- Classificazione CAI: T

Partendo da piazza Italia, nel centro abitato, e percorrendo via Benedetto del Soratte, dopo aver superato il centro informazioni e la cappella votiva a Sant'Anna, ci si trova all'ingresso principale della Riserva. La sbarra metallica delimita l'inizio del percorso pedonale che sale verso il Santuario di Santa Maria delle Grazie.

Lungo il percorso si possono osservare altre cappelle votive dedicate al Santissimo Salvatore e all'Annunziata, che testimoniano la frequentazione del luogo da parte dei pellegrini.
In prossimità della cappella dell'Annunziata, sui due lati della strada, si incontrano le diramazioni, opportunamente segnalate, del sentiero didattico “Le Carbonare” e del sentiero “degli Eremi”.

Proseguendo lungo la strada si incontra una ricca vegetazione arborea e si possono ammirare alcuni esemplari di lecci secolari; lungo tutto il percorso sono disponibili vari punti sosta ed aree picnic.

La Chiesa Santa Maria delle Grazie e il relativo convento sorgono sui resti di un'antica cappella dedicata alla Beata Vergine, la cui immagine dipinta sul muro era particolarmente venerata nel XVI secolo. Nel santuario si sono alternati diversi eremiti e ordini religiosi: Camaldolesi, Francescani, Cistercensi, che nel 1628 ingrandirono l'eremo trasformandolo in monastero. Gli ultimi massicci interventi risalgono al 1835. Il percorso “Madonna delle Grazie”, pur procedendo in ripida salita, è percorribile anche in bicicletta.

  


Classificazione Sentieri secondo il CAI

T - Itinerario su stradine pedonali, carrareccie, mulattiere o evidenti sentieri (Sentiero di interesse turistico)

E - Itinerario privo di difficoltà tecniche (corrisponde, in genere, a mulattiere o a sentieri di accesso a rifugi o di collegamento tra valli vicine)

                                        


                 




 

   





tutte le fotografie copyright © Carlo Portone

sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel